Niente 3° posto per il Lecce Zenga ferma Liverani: 1-1



Termina 1-1 il posticipo della 23 giornata di Serie B tra Venezia e Lecce. E il pareggio il risultato pi giusto: succede tutto in un minuto, tra il 50’ e il 51’. Vantaggio degli uomini di Zenga con Citro, immediata risposta giallorossa con Palombi. Il resto della partita si gioca sull’equilibrio, con entrambe le formazioni che hanno le occasioni per portare a casa i 3 punti. Tre punti che avrebbero lanciato il Lecce in terza posizione o che avrebbero proiettato il Venezia in zona play-off. Un po’ di amaro in bocca resta a entrambe le squadre. LA PARTITA — L’avvio di partita un po’ bloccato: al 16’ enorme rischio per Vigorito, che si fa intercettare il rinvio da Citro ma riesce a rimediare chiudendo la conclusione dell’attaccante di Zenga. Dopo la mezz’ora il Lecce cresce e si rende molto pericolosa: Lucioni calcia dal limite e Vicario risponde, poco dopo Venuti crossa e il pallone sbatte direttamente sul palo. E la partita sembra sbloccarsi. Al 42’ grossa occasione per il Venezia: Lombardi va via sul fondo, scarica per Citro il cui bel sinistro a giro viene respinto in tuffo da Vigorito. Gli ospiti entrano bene in campo nella ripresa e al 47’ sfiorano il vantaggio: Calderoni calcia da fuori di sinistro, il pallone rimbalza davanti a Vicario e si stampa sul palo. Al 50’ la partita si accende con un fulminante botta e risposta: il Venezia sblocca il match con il mancino di Citro, ma basta un minuto agli ospiti per trovare il pareggio con Palombi, servito dalla sponda di La Mantia. All’84’ Bocalon ha un’enorme palla per il 2-1, ma il suo colpo di testa a botta sicura viene respinto da Vigorito. E il confine tra l’errore della punta e il miracolo del portiere molto sottile. Nel finale il Lecce a spingere per la vittoria con maggior insistenza, ma i giallorossi non creano grossi pericoli a Vicario: finisce 1-1.



Source link